#Kico offre molteplici soluzioni anche per i piccoli spazi, grazie all’ampia componibilità garantita dal suo programma living.

Già sfruttando le sue tradizionali librerie componibili a spalla portante, si possono realizzare soluzioni che sfruttano lo spazio in modo flessibile, infatti con questa tipologia si può fruttare a tutta altezza la parete più adatta, giocando con i pieni e i vuoti per dosare spazio di contenimento e vani a giorno. Distribuendo i volumi e le funzioni in punti visivamente strategici possiamo creare profondità e dare una impressione dinamica e fortemente caratterizzata al nostro arredamento.

Gli elementi a spalla possono essere anche pensili, questo consente di avere composizioni che sfruttano le porzioni di muro normalmente inutilizzate, come ad esempio i sopra porta, ma anche di avere composizioni che non arrivano fino al pavimento. Quest’ultimo accorgimento consente di mantenere un buon senso di profondità, ad esempio lasciando arrivare un bel tappeto dai colori chiari fin sotto al mobile e posizionandovi dei piccoli complementi d’arredo. Una soluzione, quest’ultima, molto efficace nel caso il nostro mobile si trovi in una posizione frontale rispetto al più frequente punto di osservazione, tipicamente l’entrata principale del vano o di tutto l’appartamento.

kico-living-ilmobile4-8Nell’ambito delle strutture a spalla, Kico può fornire un articolato sistema di ante scorrevoli che consente di cambiare l’impatto visivo e la funzione del mobile secondo le necessità del momento. Anche questi elementi contribuiscono alla realizzazione di un arredo flessibile dove molti elementi sono racchiusi in un’unica struttura. Una struttura unica che racchiuda in modo ordinato tante cose che a loro volta suggeriscono tante attività legate ai vari momenti della giornata, pensiamo ai libri, o all’impianto multimediale, è infatti più indicata in un piccolo ambiente rispetto a tanti mobiletti sparsi, ognuno con la propria funzione.

Nel caso di ambienti sviluppati prevalentemente in una direzione dove non sia possibile disporre i mobili nelle pareti “corte” ( il caso tipico è la stanza con un ampio vano d’entrata e una grande finestratura in fondo ) bisogna evitare che i mobili stringano ulteriormente la stanza, almeno in senso visivo. Kico ha una risposta valida anche per quest’esigenza, offrendo sia un sistema componibile adatto a composizioni libere ma ricche di spazio contenitivo, sia una gamma di madie e mobili credenza, anche componibili, che consentono di fornire un appoggio con i loro piani e anche un notevole spazio chiuso disponibile. In questo modo le pareti laterali conserveranno la loro larghezza a livello dello sguardo e sarà evitato l’effetto “corridoio”.